Giovedì 23 Marzo ore 15,00 sala civica di Vago

MEDICINAIMG_1013
Inquinamento atmosferico e salute:
che aria respiriamo?
Dott. Vincenzo Casano

L’inquinamento atmosferico é la forma di inquinamento meglio percepita dall’uomo che determina effetti deleteri sulla salute umana, sulla flora, sulla fauna e sul clima. Forse è  tempo di non sottovalutare ma di prendere vera coscienza del problema.

224320542-dbb53556-67cb-4713-a6e7-8c3c6914859b59dcf43eb96dad3765a6a5c51dcdc9cc

Giovedì 16 Marzo ore 15,00 sala civica di Vago

SALUTEIMG_0899
Probiotici: cosa sono,
quali proprietà hanno e come si usano
Dott.ssa Anna Benini

Il nostro intestino ospita normalmente un’ampia popolazione di microrganismi, definita flora batterica, avente funzione di difesa e di nutrizione dello stesso.
Molte situazioni e stili di vita talvolta sbagliati (stress, cattiva alimentazione, uso di farmaci) possono alterare il normale equilibrio della flora batterica, indebolendola: i probiotici, o fermenti lattici vivi, costituiti da batteri fisiologici, cioè microrganismi già naturalmente presenti nell’intestino, contribuiscono a migliorare la funzionalità del colon, a produrre vitamine utili e a difendere la mucosa intestinale da batteri patogeni. In sostanza, possono riequilibrare la flora batterica e la riportano ad uno stato di normalità e servono quindi a migliorare il nostro ben essere.

Schermata del 2017-03-12 08-54-50probiotici-effetti-collaterali

Giovedì 09 Marzo ore 15,00 sala civica di Vago

ARTEzerbato (10)
Io… pittore per casoo, parte 2°
Storie, aneddoti e tanta passione
per la pittura
Sig. Renzo Zerbato

Continua all’Università popolare di Lavagno il viaggio di Renzo Zerbato nella propria pittura ed in quella del Rinascimento italiano con cui ha voluto confrontarsi per apprendere tecniche e modi espressivi dei grandi maestri del passato.
Tra aneddoti e notizie legate al periodo storico del Rinascimento italiano, Zerbato incontra il modo di vivere e la pittura di Bellini, Leonardo, Michelangelo, Masaccio, Raffaelo, Botticelli, Mantegna e Caravaggio.
Per l’occasione porterà in visione anche alcuni suoi quadri e delle copie di opere dei grandi del Rinascimento da lui realizzate.
Alla fine dell’incontro, regalerà ai presenti una copia omaggio del volume realizzato dal titolo “Io, pittore per caso”, edito dall’Università popolare di Lavagno e stampato quest’anno delle grafiche Studio83 di Vago di Lavagno.

Schermata del 2017-03-05 16-29-24

Da Andrea Mantegna “Cristo morto” copia olio su tela

Schermata del 2017-03-05 16-29-49

Da Caravaggio “Conversione di Paolo” copia olio su tavola multistrati

 

Giovedì 02 Marzo 2017 ore 15 Sala Civica di Vago

ARTESchermata del 2017-02-27 15-09-08
Io…pittore per caso, parte 1
Storie, aneddoti e tanta passione
per la pittura
Sig. Renzo Zerbato

Con il nuovo volume fresco di stampa: “Io, pittore per caso”, promosso dall’Università popolare di Lavagno, Renzo Zerbato si racconta ancora. La presentazione avverrà in due giovedì consecutivi (2 e 9 marzo). Sarà presente l’autore affiancato da Elisa Zoppei e Giuseppe Corrà. Un libro di grande formato, composto di 108 pagine ricchissime di riproduzioni dei quadri di Zerbato. Renzo non ha mai voluto partecipare a mostre di pittura per farsi conoscere e mettere in vendita i propri quadri, solitamente li regala ai propri amici, con questa pubblicazione si è costruito il catalogo delle proprie opere perché nel libro sono riprodotti quasi un centinaio dei suoi quadri e quì egli si racconta e racconta, soprattutto attraverso aneddoti, i grandi pittori del passato con cui si è messo a confronto per cercare di carpirne i segreti. Ma dopo aver condotto per mano il lettore, come fanno con Dante, Virgilio e Beatrice attraverso i tre regni dell’aldilà, Renzo chiude il suo volume con uno sberleffo “zerbatesco”, che gli calza a pennello. “Giunti alla fine delle pagine di questo mio libro – afferma – cancellate tutto quello che ho scritto e fate da soli, liberi come sono liberi il pensiero e l’arte. Ciò che conta è il risultato che avrete ottenuto”.
La lettura del volume risulterà gradevolissima.

Schermata del 2017-02-27 15-41-36Schermata del 2017-02-27 15-40-11

Giovedì 22 Febbraio 2017 ore 15 sala civica di Vago

IMG_1562STORIAIMG_1567
I Siti Reali nel Regno di Napoli nel Settecento:
governo e sviluppo del Territorio
Dott.ssa Elvira Chiosi e dott. Aniello D’Iorio

Nel 1734, con la conquista del Regno di Napoli da parte di Carlo di Borbone si avviò la costruzione di una rete di Siti reali, secondo un modello spagnolo, condiviso in gran parte d’Europa.
Sono luoghi fortemente legati alla storia dell’identità culturale del Meridione d’Italia nel passaggio dalla civiltà barocca a quella illuministica, ma hanno rappresentato anche un modello di sviluppo sociale, economico, amministrativo facilmente rintracciabile nelle vicende dei singoli stati italiani sino alla seconda metà dell’Ottocento
Queste residenze reali, inizialmente scelte come dimore del Re dove praticare la caccia, in realtà realizzavano un’idea molto più ampia di insediamento, maturata all’interno della dimensione imperiale della casa reale spagnola. Erano anche luoghi di esercizio e di rappresentazione del potere monarchico, con regole fissate dal cerimoniale di corte e quindi costituivano una forma di “organizzazione politica” che dal Seicento alla Rivoluzione francese ha attraversato tutti gli stati europei. Ad accomunarli alle altre grandi monarchie era l’attenzione al governo del territorio, allo sviluppo delle infrastrutture viarie e di diversificate attività produttive, come dimostrano le esperienze di Carditello, Portici, San Leucio, fra le più note.
La storia di questi luoghi, se ben conosciuta nella progettazione e nelle realizzazioni, nei successi e nei fallimenti, potrebbe certo ispirare gli attuali interventi di recupero e valorizzazione dei Siti.

reggia-porticisan_leucio_belvedere

Giovedì 16 Febbraio 2017 ore 15,00 sala civica di Vago

CULTURA E TRADIZIONEDSCN7515
‘NOBILI BENEFATTORI E ARTIGIANI’
Vita, morte e miracoli delle maschere veronesi
Sigg. Enrico Marchi e Emanuele del Miglio

In pieno periodo di Carnevale torna Enrico Marchi con il suo libro che parla di tradizioni. «Nobili, benefattori e artigiani», pubblicato nel gennaio del 2015 e, come ricorda la presentazione in copertina, un viaggio tra le maschere del carnevale veronese. Dopo una panoramica iniziale che analizza i vari aspetti della tradizione, si approda al «Bacanal del Gnoco», la grande manifestazione carnevalesca cittadina. Un curioso personaggio, di cui si scoprirà l’identità nell’ultimo capitolo, accompagna il lettore in un variopinto itinerario alla ricerca dei più reconditi aspetti dei personaggi che animano la kermesse veronese. Sarà piacevole scoprire come sono nate le maschere, come vengono elette e come incoronate, a quale figura storica fanno riferimento o quale “mestiere” rievocano. Una lettura che è come una favola a lieto fine, che racconta la straordinaria storia della città di Giulietta e Romeo».
L’autore è stato Papà del Gnoco nel 1992 e nel 2013 ha pubblicato «Il Sire» che narra come si diventa la maschera principale della città e cosa significa rappresentarla.
Le edizioni dei due lavori sono state affidate a «Del Miglio editore» che sarà presente all’incontro e parlerà della sua attività, oggi ben radicata e con decine di titoli accattivanti al suo attivo.

Schermata del 2017-02-12 10-51-59papa-del-gnocco

Giovedì 09 Febbraio 2017 ore 15,00 sala civica di Vago

ALIMENTAZIONEIMG_7339
Alimentazione naturale: alla scoperta
dell’alimentazione perduta per
ritrovare equilibrio e salute
Dott.sa Milena Mantovani

“Un incontro per conoscere le basi dell’alimentazione naturale e comprenderne i benefici. Si ripercorreranno le tappe del cambiamento economico, sociale e culturale che ha portato a stravolgere lo schema alimentare millenario dell’uomo e si arriverà a comprendere come sia oggi più che mai necessario tornare ad un modo più naturale di nutrirsi per recuperare benessere ed energia.”

IMG_7341IMG_7340

 

Giovedì 02 Febbraio 2017 ore 15,00 sala civica di Vago

STORIA copertina-1200x480
Presentazione del libro
‘Una giovinezza perduta in terra d’Africa’
Prof.ssa Cecilia Chiumenti

La presentazione del libro di Cecilia Chiumenti sarà l’occasione per ripercorrere una pagina della nostra storia che conosciamo ancora poco, la guerra d’Etiopia, svoltasi fra il 1935 e il 1936.
La vicenda di Benedetto, sottufficiale in quel conflitto, non è tratta da un diario di guerra, ma rievocata e immaginata dalla figlia Cecilia che, sulla base di foto scattate in Africa, ha cercato di dare voce all’esperienza di un giovane di 23 anni coinvolto in un storica impresa.

 

 

Giovedì 26 gennaio 2017 – ore 15 – sala civica di Vago

ASTRONOMIAs_zanderigo_8-01-2015 (3)_DxO
Giove e i pianeti extrasolari
Prof. Serafino Zanderigo

Venere, Orione, Sirio.
Bennu… chi è costui? Proxima Centauri… anche lei!
Juno da Giove per conoscere meglio i pianeti extrasolari.
La ricerca della vita a casa nostra (sistema solare) e OLTRE.
Nuovo telescopio spaziale (se si decidono a farlo partire) e telescopi terrestri giganti.
Nuove speranze dai grandi radiotelescopi.
Segnali dall’universo profondo.

1280px-Juno_Mission_to_Jupiter_(2010_Artist's_Concept)universo

Giovedì 19 Gennaio 2017 – ore 15 – sala civica di Vago

ATTENZIONE – CAMBIO DI PROGRAMMA

FILOSOFIAIMG_0125
Innocenza, colpa e sofferenza:
Giobbe e Antigone
Prof. Giuseppe Boschi

Soffrire non è piacevole; se poi si ritiene che la propria sofferenza sia ingiusta, può diventare insopportabile. Abbiamo bisogno di dare un senso a ciò che ci accade, alla vita e, di conseguenza, alla morte, perché “la vita senza significato è la tortura dell’irrequietezza e del desiderio vago, è una nave che anela al mare eppur lo teme” (Lee Masters, “Antologia di Spoon River”).
Giobbe è l’ignaro protagonista di una scommessa tra Dio e Satana per verificare la solidità della sua fede e per questo patisce terribili sofferenze, fisiche e morali. Antigone deve affrontare un atroce dilemma: seguire la legge non scritta che impone la pietosa sepoltura dei morti, nello specifico suo fratello, oppure trasgredire alla legge dello stato che, in questo caso, la vieta, accettandone l’inevitabile, drammatica conseguenza. Sofferenza interiore, non meno lancinante di quella fisica.
Due figure e due vicende che ancora oggi, a distanza di secoli, interpellano le nostre coscienze.

Schermata del 2017-01-15 14-28-47Schermata del 2017-01-15 14-29-19